RECENSIONE ‘SE I GATTI SCOMPARISSERO DAL MONDO’ – KAWAMURA GENKI



Ciao readers! Il libro di oggi è a tratti ironico, ma in generale è molto profondo. Si mescolano umorismo e dolcezza, i quali inducono il lettore a proseguire la lettura. Qualche oggetto scomparirà dal mondo, ma alla fine qualcosa o qualcuno rimarrà. Il protagonista stipula le cose che vorrebbe fare prima di morire essendo malato terminale, ma poi cambierà idea e prospettive.

RECENSIONE

Questo libro è sotto le 200 pagine, ma colpisce al cuore per la sua dolcezza. Esso è ironico in alcune parti, soprattutto quando compare il personaggio surreale che porrà il protagonista di fronte a delle scelte. Il protagonista, dopo la fatidica notizia del medico, decide cosa o chi far sparire dal mondo anche grazie al personaggio surreale citato poc’anzi. Un viaggio introspettivo, ricco di poesia e con un finale aperto. Il protagonista vive con il gatto Cavolo, ma prima di lui c’era Lattuga. Dietro ad ogni suo pensiero, si cela un altro personaggio importante per la sua vita, sebbene ne abbia perso i contatti. Svolge la professione di postino, ha all’incirca 37 anni ed ha sempre consegnato lettere che non lo riguardavano, ora non resta che spedirne una che lo riguarda da vicino: la più importante. Mi ha commosso la lettera verso la parte finale della storia ed ho pianto. Questo breve libro ha un significato non indifferente: sono più importanti i legami che si creano tra animali e persone, anziché le cose materiali create dall’uomo. I legami restano e mi è piaciuta la scena in cui il protagonista vede i suoi ricordi sullo schermo del cinema invece di guardare un film. Si può dire sia in parte fantasy questo libro, per via di alcune comparse che accompagnano il protagonista in questa avventura. Il ragazzo ripercorre più volte i ricordi che gli ha lasciato sua madre, che sono molto commoventi. Sua madre gli diceva di sorridere e chiudere gli occhi mentre sorrideva. Questo, nei momenti in cui da piccolo si metteva a piangere e non riusciva a smettere. L’ho trovato toccante ed è stata una buona lettura.

~ Non siamo noi a prenderci cura dei gatti, ma sono loro a permetterci di starli accanto ~

~ Per ottenere qualcosa, bisogna sostituirne un’altra ~

CURIOSITÀ!

Maneki neko significa “Gatto che chiama” e in Giappone è un portafortuna a forma di gatto che può avere vari colori con un significato per ciascuno. Una leggenda narra che un demone voleva l’anima di un uomo che possedeva un gatto, ma quest’ultimo non lo lasciò passare e lo sfidò. Disse che se fosse riuscito a contare i peli della sua coda, avrebbe potuto proseguire nel suo intento. Il demone contò i peli della coda, ma quando arrivò alla fine, il gatto mosse la coda e il demone perse il conto. Ricominciò da capo, ma il gatto fece la stessa cosa. Il demone si stufò, se ne andò e l’anima del padrone fu salva.

Quando il gatto ha la zampa destra alzata, attira fortuna e denaro. Se il gatto ha la zampa sinistra alzata, attira buoni ospiti e visite gradite. Se il gatto ha entrambe le zampe alzate, significa protezione del luogo in cui si trova. Talvolta tiene tra le zampe degli oggetti come un pesce, dei soldi, un ventaglio e può indossare anche un kimono.

~ I colori del maneki neko sono vari. Per esempio il viola aiuta nella realizzazione dei sogni, mentre l’azzurro aiuta con la crescita personale interiore ~

Link per acquistare il libro: https://amzn.to/3541fWf

Link per acquistare maneki neko: https://amzn.to/2VTC3hS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...